Cos’è il Progetto Madrelingua?

Il Progetto Madrelingua è un progetto extra-scolastico che offre allo studente la possibilità di partecipare a lezioni d’inglese non tradizionali con un’insegnante di madrelingua inglese (in questo caso, con me).

 

Qual è l’obiettivo del Progetto Madrelingua?

L’obiettivo del Progetto Madrelingua è di potenziare due competenze linguistiche fondamentali per la comunicazione e purtroppo spesso trascurate nei programmi d’inglese della scuola dell’obbligo ovvero l’ascolto [“ascolto” dovrebbe portare a “L’Ascolto”]  e la conversazione [“conversazione” dovrebbe portare a “La Conversazione”]. Pertanto, il Progetto Madrelingua è mirato alla comunicazione.

 

A chi si rivolge il Progetto Madrelingua?

Il Progetto Madrelingua si rivolge alle classi prime, seconde e terze della Scuola Secondaria di 1^ Grado, nel 1^ o nel 2^ quadrimestre secondo le esigenze e gli impegni scolastici.

 

Quale metodo viene utilizzato?

Il Progetto Madrelingua utilizza il metodo che adopero io ossia il “Metodo Comunicativo”. [“Metodo Comunicativo” dovrebbe portare a “Il Metodo”]. Tale metodo è molto pratico in quanto lo studente viene dato tutti gli strumenti per mettere in atto sin da subito il linguaggio acquisito. Inoltre, questo metodo si focalizza su esercizi comunicativi e fa uso di un linguaggio per comunicare.

 

Quant’è la durata del Progetto?

Il Progetto Madrelingua è composto da una serie di lezioni d’inglese settimanali che va concordata con la scuola. Consiglio un minimo di 5 lezioni (esempio: 1 lezione per classe per 5 settimane). Ovviamente il numero di lezioni dipende dal budget disponibile dalla scuola stessa e/o dai genitori laddove sono i genitori a contribuire al finanziamento del Progetto.